Prenota il tuo appuntamento (in presenza o on line su zoom) per l'assistenza alla compilazione dell'istanza on line chiamando il numero 0881206085 o scrivendo a [email protected]

Il servizio ha un costo di € 15 per ogni istanza.

Cosa fare prima di compilare la domanda

Per iscriversi al servizio MIUR Istanze Online occorre, prima di tutto, avere una identità SPID oppure la CIE (Carta di Identità Elettronica) o eIDAS (electronic IDentification, Authentication and trust Services), e le relative credenziali.

Pertanto è opportuno verificare e appuntare le sopra citate credenziali per l'accesso diretto al servizio.

La scelta della provincia è importantissima ed è la prima cosa che viene richiesta.

Il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato la consistenza regionale degli aspiranti in graduatoria: in questi elenchi è stato riportato il numero di iscritti per ogni classe di concorso in ogni provincia. Tali elenchi vorrebbero rappresentare un valido orientamento per l’aspirante supplente, che dovrà compiere una scelta particolarmente importante visto che riguarderà le sue opportunità lavorative per i prossimi due anni: ricordiamo, infatti, che le nuove Graduatorie Provinciali per le Supplenze saranno valide per il prossimo biennio, 2022/23 e 2023/24.

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Abruzzo_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Basilicata_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Calabria_20220422

SG1-PA-REL-GPS_consistenza_Campania_ 20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_EmiliaRomagna_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_FriuliVeneziaGiulia_20220422

SG1-PA-REL-GPS_consistenza_Lazio_ 20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Liguria_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Liguria_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Lombardia_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Marche_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Molise_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Piemonte_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Puglia_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Sardegna_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Sicilia_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Toscana_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Umbria_20220422

SG1-PA-REL-GPS_Consistenza_Veneto_20220422

 

Ogni classe di concorso prevede determinati titoli di accesso che vanno dichiarati all'atto della domanda.

In particolare è opportuno verificare l'esattezza dei requisiti e prendere precisa nota di:

  • - data di conseguimento del titolo,
  • - voto
  • - istituto che ha rilasciato il titolo
  • - luogo di conseguimento del titolo (sede dell'istituto)
  • - ordinamento giuridico di appartenenza del titolo ( DM 39/1998 /Vecchio
    ordinamento; DM 22/2005 /lauree specialistiche e integrazione vecchio ordinamento; DM 270/2004/lauree magistrali o Diplomi accademici di II livello)
  • - anno accademico di immatricolazione e anno accademico di conseguimento

 

CLICCA QUI per verificare quali sono i requisiti di accesso alle GPS

 

Sulla base dei propri titoli verificare il possesso dei requisiti per l'accesso alla classe di concorso attraverso la consultazione degli allegati al D.M. N. 259_2017

Allegato A

 

Ordinare i servizi avendo cura di indicare:

  1.  Graduatoria in cui si vuole far valere il servizio
  2.  Anno scolastico
  3.  Insegnamento
  4.  Data inizio servizio
  5.  Data fine servizio
  6.  Istituzione presso cui è stato prestato il servizio (nome, comune, provincia)
  7.  Tipologia di istituto (paritario, privato, statale)
  8.  Tipologia di servizio :
  •  - nelle istituzioni scolastiche del SNI, ovvero istituzioni scolastiche statali o paritarie e scuole militari
  • - nei percorsi di istruzione dei Paesi esteri o di scuole a ordinamento estero in Italia, riconosciute dai paesi
  • - nelle forme di cui al co.3 art.1 DL 134/2009 (es: diritti a scuola)
  • - sezioni primavera
  • - nell’ambito dei percorsi diritto/dovere all’istruzione, relativi alla formazione professionale
  • - in qualità di educatore nelle istituzioni educative
  • - in qualità di educatore nelle istituzioni analoghe dei Paesi esteri

 

La riserva di posti, opera unicamente con riferimento al conferimento delle supplenze annuali (31 agosto e 30 giugno) da GaE (graduatorie ad esaurimento) e GPS (graduatorie provinciali per le supplenze). La riserva dei posti non opera invece per quanto riguarda le supplenze derivanti dalle graduatorie d’istituto.

I titoli di riserva sono:

  1. Superstiti di vittime del dovere/invalidi o familiari degli invalidi o deceduti per azioni terroristiche
  2. Invalido civile di guerra
  3. Invalido di guerra
  4. Invalido per servizio
  5. Invalido del lavoro o equiparati
  6. Orfano o profugo o vedova di guerra,per servizio e per lavoro
  7. Invalido civile
  8. Non vedente o sordomuto
  9. Volontari in ferma breve e prefissata

Per ogni signolo titolo bisogna indicare:

  • - ente che ha rilasciato il titolo
  • - data
  • - numero dell'atto

Inoltre in caso di possesso dei titoli dal 2 all'8 occorre dichiarare l'iscrizione negli elenchi dei centri per l'impiego, indicando provincia ed estremi di iscrizione, oppure, in caso di occupazione, la data e la procedura in cui è stata presentata in precedenza la certificazione richiesta.

 

Ai sensi dell’art. 5, 4° e 5° comma del DPR. 487/94
A parità di merito i titoli di preferenza sono:

  1. Insignito di medaglia al valor militare
  2. Mutilato o invalido di guerra ex combattente
  3. Mutilato o invalido per fatto di guerra
  4. Mutilato od invalido per servizio nel settore pubblico e privato
  5. Orfano di guerra
  6. Orfano di caduto per fatto di guerra
  7. Orfano di caduto per servizio nel settore pubblico e privato
  8. Ferito in combattimento
  9. Insignito di croce di guerra o di altra attestazione speciale di merito di guerra o capo di famiglia numerosa
  10. Figlio di mutilato o invalido di guerra ex combattente
  11. Figlio di mutilato o invalido per fatto di guerra
  12. Figlio di mutilato o invalido per servizio nel settore pubblico e privato
  13. Genitori vedovi non risposati e sorelle e fratelli vedovi o non sposati dei caduti in guerra
  14. Genitori vedovi non risposati e sorelle e fratelli vedovi e non sposati dei caduti per fatto di guerra
  15. Genitori vedovi non risposati e sorelle e fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato
  16. Aver prestato servizio militare come combattente
  17. Aver prestato servizio senza demerito, a qualunque titolo, ivi inclusi i docenti, per non meno di un anno alle dipendenze del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
  18. Coniugato e non coniugato con riguardo al numero dei figli a carico
  19. Invalido o mutilato civile
  20. Militari volontari delle Forze armate congedati senza demerito al termine della ferma o rafferma
  21. Aver prestato, senza demerito, servizi alle dipendenze dello Stato o di altre pubbliche amministrazioni.

A parità di merito e di titoli la preferenza è determinata:
a) dal numero dei figli a carico, indipendentemente dal fatto che il candidato sia coniugato o meno;
b) dall'aver prestato lodevole servizio nelle amministrazioni pubbliche;
c) dalla minore età.

Per ogni singolo titolo (tranne poche eccezioni) bisogna indicare:

  • - ente che ha rilasciato il titolo
  • - data
  • - numero dell'atto

Verificare il possesso dei requisiti generali e l'opportunità delle dichiarazioni:

- possesso di una delle seguenti condizioni: cittadinanza italiana; cittadinanza di uno degli Stati membri UE; titolarità di Carta Blu UE; familiari di cittadini italiani;

- età non inferiore ad anni 18 e non superiore ad anni 67 al 1° settembre 2022

- di godere dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza o di provenienza

- posizione regolare nei confronti del servizio di leva al quale l'aspirante sia stato eventualmente chiamato

- per i cittadini di cui all’art. 6 comma 1 lettera a) dell’O.M, sub.i, ii. e iii. avere adeguata conoscenza della lingua italiana secondo quanto previsto dalla nota 7 ottobre 2013 n. 5274

- di non essere escluso dall’elettorato politico attivo

- di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento

- di non essere stato licenziato per giusta causa o giustificato motivo soggettivo ovvero di non essere incorso nella sanzione disciplinare dell’esclusione definitiva dall’insegnamento

- di non essere stato dichiarato decaduto da un impiego statale, ai sensi dell’articolo 127, primo comma, lettera d) del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, o non essere incorso nella sanzione disciplinare della destituzione

- di non essere temporaneamente inabilitato o interdetto, per il periodo di durata dell’inabilità o dell’interdizione

- di non essere dipendente dello Stato o di enti pubblici collocato a riposo, in applicazione di disposizioni di carattere transitorio o speciale

- di non trovarsi in una delle condizioni ostative di cui al Decreto Legislativo 31 dicembre 2012 n. 235

- non sono/sono soggetto a sanzione disciplinare dell’esclusione temporanea dall’insegnamento

- richiesta di iscrizione con riserva

- essere fisicamente idoneo allo svolgimento delle funzioni proprie del personale docente o educativo per i distinti ruoli

- non avere/avere procedimenti penali pendenti, in Italia e/o all’estero

- non avere/avere riportato condanne penali (anche se sono stati concessi amnistia, indulto, condono o perdono giudiziale) in Italia e/o all’estero

- non essere dispensati dal servizio per mancato superamento del periodo di prova, relativamente alla medesima classe di concorso o tipologia di posto per cui è stata disposta la dispensa dal servizio;

- non essere stato dispensato dal servizio per incapacità didattica relativamente alla medesima classe di concorso o tipologia di posto per cui è stata disposta la dispensa dal servizio

- non essere destinatario di sanzioni disciplinari di esclusione temporanea dall’insegnamento né di provvedimenti di sospensione cautelare dal servizio che durino per l’intero biennio di durata delle graduatorie

- aspirante immesso in ruolo con riserva

Si possono scegliere fino a venti scuole per ogni classe di concorso/posto di insegnamento per il quale ci si inserisce.

Inserendo il Comune e cliccando su “Cerca”, vengono visualizzate le scuole del predetto Comune in cui è impartito l’insegnamento attinente alla graduatoria. Spuntando il quadratino accanto alla denominazione della scuola e cliccando su “inserisci”, la scuola viene inserita nell’istanza (si possono spuntare contemporaneamente più scuole).

Per non perdere tempo è opportuno fare una preventiva ricerca al fine di evitare di inserire scuole che, per qualche motivo, potrebbero comportare rinuncia, abbandono della supplenza, o mancata presa di servizio, in quanto, con la nuova normativa, queste azioni verrebbero SANZIONATE.

Stila il tuo elenco scegliendo tra le scuole dal link scuola in chiaro 

clicca su questa icona per la "ricerca avanzata".

In caso di

  • - titolo di studio conseguito all'estero
  • - dichiarazione di valore dei titoli di studio conseguiti all'estero per l'insegnamento di conversazione in lingua straniera
  • - servizi di insegnamento prestati nei Paesi dell'UE o in altri Paesi

si dovrà predisporre il titolo in formato PDF da massimo 2 Mega per allegarlo nella specifica sezione.